Impianti di trattamento con ozono per la potabilizzazione dell'acqua


L’ozono, O3, è un gas instabile composto da tre atomi di ossigeno. Esso viene prodotto principalmente sottoponendo l’ossigeno o l'aria a scariche elettriche.


Una delle principali caratteristiche dell’ozono è il suo elevato potere ossidante, in funzione del quale è in grado di reagire con sostanze organiche (in particolar modo con legami C-C insaturi); questa sua caratteristica è stata utilizzata in molti processi di trattamento acqua ed aria.

Il vantaggio dell’ozono sui prodotti che sviluppano cloro libero, utilizzati spesso per la potabilizzazione dell’acqua, è che il primo sterilizza meglio sia nei confronti dei batteri che dei virus; inoltre l’ozono non altera le caratteristiche dell’acqua, in particolare il sapore e genera una minore quantità di sottoprodotti dannosi.

A convalida dell’assoluta compatibilità dell’ozono, nelle giuste misure, con le attività umane, dal 26 giugno 2001 la FDA ammette l’impiego di ozono anche nei processi produttivi dell’industria alimentare. L’ozono è impiegato per la disinfezione dell’acqua imbottigliata sin dal 1982 e dal 1984 tutte le piscine di nuoto dei giochi olimpici devono essere purificate con ozono. Nel luglio del 1996 con protocollo n. 24482, il Ministero della Sanità ha riconosciuto l’ozono come “PRESIDIO NATURALE PER LA STERILIZZAZIONE DI AMBIENTI”.

TA propone impianti di trattamento con ozono sia per la sterilizzazione delle acque potabili che per applicazioni industriali quali decolorazione, eliminazione di microinquinanti, deodorizzazione, ecc.